.
Annunci online

  ilbokkaglio [ quando tutto ti sommerge... ]
         


 Novità!



Atlantide.
variegato di pensieri intorno alla nostra  bellissima isola.



Oggi la rete ha pescato 4 nuovi pesciolini: il direttore della casa correzionale "desnoaus", ci ha concesso e connesso a internet.

Per amor nostro (e di chi vorrà farci visita) veniamo a presentarci:

TUBETTO 
 detenuto n° 9760


DeMoNsSs    
detenuto n° 0679
(evaso)

ArmaVirumqueCano

detenuto n°
3,1415926535897
(trasferito)


NURAGHE
detenuto n° mille

SIAMO LA PLEBE CHE TERRORIZZAVA gioberti,
noi PERO' NON ABBIAMO PREVALSO SUL VOSTRO stato!.


Sign for NO ALL'ENERGIA NUCLEARE, SI' ALL'ENERGIA SOLARE !


15 maggio 2010

Preghiera per il Grande Spirito

 Oh Grande Spirito, la cui voce ascolto nel vento, il cui respiro da' vita a tutte le cose. Ascoltami; io ho bisogno della tua forza e della tua saggezza, lasciami camminare nella bellezza, e fa' che i miei occhi sempre guardino il rosso e purpureo tramonto. Fa'che le mie mani rispettino la natura in ogni sua forma e che le mie orecchie rapidamente ascoltino la tua voce. Fa' che sia saggio e che possa capire le cose che hai pensato per il mio popolo. Aiutami a rimanere calmo e forte di fronte a tutti quelli che verranno contro di me. Lasciami imparare le lezioni che hai nascosto in ogni foglia ed in ogni roccia. Aiutami a trovare azioni e pensieri puri per poter aiutare gli altri. Aiutami a trovare la compassione senza la opprimente contemplazione di me stesso. Io cerco la forza, non per essere più grande del mio fratello, ma per combattere il mio più grande nemico: Me stesso. Fammi sempre essere pronto a venire da te con mani pulite e sguardo alto. Così quando la vita appassisce, come appassisce il tramonto, il mio spirito possa venire a te senza vergogna".

Preghiera per il Grande Spirito Tatanka Mani
(Bisonte che Cammina)
(1871 - 1967)

(blu-art-indiani)




permalink | inviato da ilbokkaglio il 15/5/2010 alle 5:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



9 maggio 2010

water for free!

 compravendita di anime.

è questo il crimine più violento,
in questa porzione di universo.


anche la compravendita di acqua.
ma un po' di meno.
come allora brioches,
oggi, champagne!
baci,bok




permalink | inviato da ilbokkaglio il 9/5/2010 alle 6:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa



30 aprile 2010

eit'è rivolutzione?

eit'è rivolutzione?

sa prus parte de s'istoria, in iscola et forasa, est fatta de rivolutziones:
sa perda,s'orrora,su ferru,sos elefantes de annibale.su 'iru oponibile.
s'iscritura,sa bomba nucleare,su bikini,sos giacobinos, soveticos nazistas et fascistas.
sa mongolfiera,su cinema,is fibras oticas,su transistor.
sa carcina,is canis "in sa luna",is fabricas,su trenu y su gas.
su petrollu,s'istampa, sa mini-fardetta,sa bruvura,su fogu...deusu.
sa plastica,sa pastorizatzione,is trapiantur de coru.
su motore a iscopiu, su partu cesareo, sor satellites artifitziales.
su cantu a tenore,sas bandelas,ir drogas,su birdi,su pani.
sa televisione,custu lampu 'e inernet.is oglieras,sa robotica.
eita totu no mi subengiu...
eit'esti rivolutzione?
eita no esti rivolutzione!
si naras omini,naras rivolutzione.
si pensu omini,pensu rivolutzione.
un omini chi pensat est sa prur manna...rivolutzione!
s'istoria imparat ca no est obrigu a nos si occiri po fai sa rivolutzione.
sa prur bella est su topless.
basus a brincu,
bok.


ahi uomo,che t'hanno insegnato ad uccidere...
...poi, mentre provavi piacere a farlo, ti hanno detto di smettere.
ahi uomo,che ti han costretto a pensare...
...poi, mentre ci provavi gusto, ti hanno detto di non farlo più.
baci,bok.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 30/4/2010 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



28 aprile 2010

SA DIE DE SA SARDIGNA

Su patriottu sardu a sos feudatarios


Procurade 'e moderare,
barones, sa tirannia,
chi si no, pro vida mia,
torrades a pe in terra!
Declarada est già sa gherra
contra de sa prepotenzia,
e cominzat sa passienzia
in su populu a mancare.

Mirade ch'est azzendende
contra de ois su fogu,
mirade chi no est giogu,
chi sa cosa andat 'e veras,
mirade chi sas aeras
minettana temporale,
zente consizzada male,
iscultade sa oghe mia.

No apprettedas s'isprone
a su poveru runzinu
si no in mesu caminu
s'arrempellat de appuradu,
minzi ch'es lanzu et cansadu
et non nde podet piusu,
finalmente a fundu in susu
s'imbastu nd'hat a bettare.

Su pobulu chi in profundu
letargu fit sepultadu
finalmente desperadu
s'abbizzat ch'est in cadena,
ch'istat suffrende sa pena
de s'indolenzia antiga:
feudu, legge inimiga,
a bona filosofia.

Che ch’esseret una inza,
una tanca, unu cunzadu,
sas biddas hana donadu
de regalu o a benedissione,
comente unu cumone
de bestias berveghinas
sos homines e feminas
hant bendidu cun sa cria.

Pro pagas mizas de liras
et tal’olta pro niente
isclavas eternamente
tantas pobulassiones
et migliares de persones
servine a unu tiranu:
poveru generu humanu,
povera sarda zenia!

Deghe o doighi familias
s'hant partidu sa Sardigna,
de una manera indigna
sinde sun fattas pobiddas;
divididu s'hant sas biddas
in sa zega antighidade,
però sa presente edade
lu pensat remediare.

Naschet su sardu suggettu
a milli cumandamentos,
tributos et pagamentos
chi faghet a su segnore
in bestiamen et laore,
in dinari et in natura;
et pagat pro sa pastura,
et pagat pro laurare.

Meda innantis de sos feudos
esistiant sas biddas
et issas fini pobiddas
de saltos et bidattones:
comente a bois, barones,
sa cosa anzena est passada?
Cuddu chi bos l'hat donada
non bos la podiat dare.

No est mai presumibile
chi voluntariamente
hapat sa povera zente
zedidu a tale derettu,
su titulo est'infettu,
de infeudassione,
et i sas biddas reione
tenen de l'impugnare.

Sas tassas in su prinzipiu
esigiazis limitadas,
dai pustis sunu andadas
ogni die aumentende,
a misura chi creschende
sezis andados in fastu,
a misura chi in su gastu
lassezis s’economia.

No bos balet allegare
s'antiga possessione:
cun minettas de presone,
cun castigos et cun penas,
cun zippos et cun cadenas
sos poveros ignorantes
derettos esorbitantes
hazis forzadu a pagare.

A su mancu s'impleeren
in mantenner sa giustissia
gastighende sa malissia
de sos malos de su logu:
a su mancu disaogu
sos bonos poterant tenner,
porerant andare et benner
seguros peri sa via.

Est cussu s'unicu fine
de dogni tassa et derettu:
chi seguru et chi chiettu
sutta sa legge si vivat;
de custu fine nos privat
su barone pro avarissia,
in sos gastos de giustissia
faghet solu economia.

Su primu chi si presentat
si nominat offissiale,
fattat bene et fattat male
bastat non chirchet salariu,
procuradore o notariu,
o camareri o lacaju,
siat murru o siat baju
est bonu pro guvernare.

Bastat chi prestet sa manu
pro fagher crescher sa renta,
bastat chi fettat cuntenta
sa buscia de su segnore,
ch’aggiuet a su fattore
a crobare prontamente,
missu o atera zente
chi l'iscat esecutare.

A boltas de podattariu,
guvernat su cappellanu
sas biddas cun una manu,
cun s'attera sa dispensa;
feudatariu, pensa,
chi sos vassallos non tenes
solu pro crescher sos benes,
solu pro los iscorzare.

Su patrimoniu, sa vida,
pro difender su villanu
cun sas armas in sa manu
cheret ch'istet notte e die,
già ch'hat a esser gasie
proite tantu tributu?
Si non sind'hat haer fruttu
est locura su pagare.

Si su barone non faghet
s’obbligassione sua,
vassallu, de parte tua,
a nudda ses obbligadu,
sos deretos ch'hat crobadu
in tantos annos passados
sunu dinaris furados
et ti los devet torrare.

Sas rentas servini solu
pro mantenner ciccisbeas,
pro carrozzas et livreas,
pro inutiles servissios,
pro alimentare vissios,
pro giogare a sa basetta
e pro poder sa braghetta
fora de domo isfogare.

Pro poder tenner piattos
bindighi e vinti in sa mesa,
pro chi potat sa marchesa
sempre andare in portantina:
s'iscarpa istrinta, meschina!
la faghent andare a toppu,
sas pedras punghene troppu
et non podet camminare.

Pro una litera solu
su vassallu poverinu
faghet dies de caminu
a pe' senz'esser pagadu,
mesu iscurzu e isporzadu
espost’a dogni inclemenzia,
eppuru tenet passienzia,
eppuru devet cagliare.

Ecco comente s'impleat
de su poveru su suore.
Comente, eternu Segnore,
suffrides tale ingiustissia!
Bois, divina giustissia,
remediade sas cosas,
bois da ispinas rosas
solu podides bogare!

O poveros de sas biddas,
trabagliende, trabagliende
in zittade mantenzende
tantos caddos de istalla,
a bois lassant sa palla,
issos regoglint su ranu
et pensant sero e manzanu
solamente a ingrassare.

Su segnor feudatariu
a sas undighi si pesat;
dae su lettu a sa mesa
dae sa mesa a su giogu
e pustis pro disaogu
andat a ciccisbeare,
giompende a iscurigare
teatru, ballu, allegria.

Cantu differentemente
su vassallu passat s’ora:
innantis de s’aurora
già est bessidu in campagna,
bentu et nie in sa muntagna,
in su paris sole ardente,
oh poverittu comente
lu podet agguantare?

Cun su zappu et cun s'aradu
peleat tota sa die,
a hora de mesu die
si zibat de solu pane;
mezus paschidu est su cane
de su barone in zittade
s'est de cudda calidade
chi in falda solent portare.

Timende chi si reforment
disordines tantu mannos
cun manizzos et ingannos
sas cortes hant impedidu
et isperdere hant cherfidu
sos patrizios pius zelantes,
nende chi fin petulantes
et contra sa monarchia.

Ai cuddos ch'in favore
de sa patria hant peroradu,
chi s'ispada hana ogadu
pro sa causa comune,
o a su tuju sa fune
cheriant ponner meschinos
o comente giacobbinos
los cheriant massacrare.

Però su Chelu hat difesu
sos bonos visibilmente,
atterradu hat su potente,
et i s'umile esaltadu,
Deus chi s’est declaradu
pro custa patria nostra
de ogni insidia bostra
isse nos hat a salvare.

Perfidu feudatariu
pro interesse privadu
protettore declaradu
ses de su piamontesu,
cun issu ti fisti intesu
cun meda fazzilidade:
isse pagada in zittade
et tue in bidda a porfia.

Fit pro sos piamontesos
sa Sardigna una cuccagna:
che in sas Indias d'Ispagna
issos incontrant inoghe;
nos alzaiat sa boghe
finzas unu camareri:
o plebeu o cavaglieri,
si deviat humiliare.

Issos dae custa terra
ch'hana ogadu migliones,
beniant senza calzones
e si nd'andànt gallonados;
mai ch'esserent istados
chi ch'hana postu su fogu,
malaittu cuddu logu
chi criat tale zenia!

Issos inoghe incontràna
vantaggiosos imeneos,
pro issos fint sos impleos,
pro issos fint sos honores,
sas dignidades mazores
de cheja, toga et ispada,
et a su sardu restàda
una fune a s'impiccare!

Sos disculos nos mandàna
pro castigu et curressione,
cun paga et cun pensione,
cun impleu et con patente;
in Moscovia tale zente
si mandada a sa Siberia
pro chi morzat de miseria,
però non pro guvernare.

Intantu in s'isula nostra
numerosa gioventude
de talentu et de virtude
oziosa la lassàna,
et si alguna nd'impleàna
chircaiant su pius tontu,
pro chi lis torràt a contu
cun zente zega a trattare.

Si in impleos subalternos
algunu sardu avanzàna
in regalos non bastàna
su mesu de su salariu:
mandare fit nezzessariu
caddos de casta a Torinu
et bonas cascias de binu,
muscadellu et malvasia.  

Tirare a su piamontesu
sa prata nostra et i s'oro
est de su guvernu issoro
massima fundamentale,
su regnu andet ben’o male
non lis importat niente,
antis crent incumbeniente
lassarelu prosperare.

S'isula hana arruinadu
custa razza de bastardos,
sos privilegios sardos
issos nos hana leadu,
dae sos archivios furadu
nos hana sas mezzus pezzas
et che iscritturas bezzas
las hana fattas brujare.

De custu flagellu in parte
Deus nos hat liberadu,
sos sardos ch'hana ogadu
custu dannosu inimigu;
et tue li ses amigu,
o sardu barone indignu,
et tue ses in s'impignu
de nde lu fagher torrare?

Pro custu iscaradamente
preigas pro Piamonte,
falzu chi portas in fronte
su marcu de traitore;
fizas tuas tant'honore
faghent a su furisteri,
mancari siat basseri
bastat chi sardu no siat.

S'accas'andas a Torinu
inie basare des
a su ministru sos pes
et ater su..., già m'intendes;
pro ottenner su chi pretendes
bendes sa patria tua
et procuras forsi a cua
sos sardos iscreditare.

Sa buscia lassas inie
et in premiu nde torras
una rughitta in pettorras,
una jae in su traseri;
pro fagher su quarteri
sa domo has arruinadu
et titul’has acchistadu
de traittore et ispia.

Su Chelu non lassat sempre
sa malissia triunfare,
su mundu det reformare
sas cosas ch'andana male:
su sistema feudale
non podet durare meda,
custu bender pro moneda
sos pobulos det sensare.

S'homine chi s'impostura
haiat già degradadu
paret chi ad s'antigu gradu
alzare cherfat de nou;
paret chi su rangu sou
pretendat s'humanidade;
sardos mios, isculdade
et sighide custa ghia.

Custos pobulos, est s'hora
d'estipare sos abusos:
a terra sos malos usos,
a terra su dispotismu,
gherra gherra a s'egoismu
et gherra a sos oppressores,
custos tirannos minores
est prezisu humiliare.

Si non calchi die a mossu
bos nde segade su didu,
como ch'est su filu ordidu
a bois toccat a tessere,
minzi chi poi det esser
tardu s'arrepentimentu,
cando si tenet su bentu
est prezzisu bentulare.


(si podet lezere a ratas o a prummu..paret iscrita erisi!)
basus,bok.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 28/4/2010 alle 1:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa



25 aprile 2010

b.r.*25aprile2010

b.r.*25aprile2010
arrivo in piazza del comune e non siamo milioni..."neanche un prete per chiacchierar.."
reduci bersaglieri al passo,anpi e alpini e bandiere.
un uomo con le pastarelle domenicali.un gruppetto di  irriducibili compagne in tenuta rossa.
qualche ''barbudo''.due york shire con relativi accompagnatori...
un furgoncino passa piano,si ferma, si chiede cosa stia succedendo, poi tira dritto convinto si tratti di un matrimonio o qualcosa del genere.
arriva la banda..le compagne cheerleaders non trattengono il proprio corpo e si lanciano ad inseguirne
le note.ora la piazza è gremita..due treenni si salutano e abbracciano:"ciao franci,guarda:mi son comprata le geox!": verranno premiate di lì a poco per l'operazione"grazie nonno"!
un alpino reduce fà presente ad un doppiopettista:se entri in provincia, ricordati di noi che siamo anche protezione civile...il doppiopettista prende nota e rassicura tutti. ci accingiamo a varcare il portone di palazzo ducale, ignobilmente "tenuto chiuso dalla giunta precedente,nei 25aprile precedenti",sottolineeranno  sindaco e presidente provinciale,nei rispettivi discorsi.
una volta dentro,si depongono due corone d'alloro in memoria dei resistenti caduti.la banda attacca con l'inno nazionale.subito dopo la piazza intona a cappella oh bella ciao.una del gruppetto si lancia in un assolo in controcanto da applausi.la neonata sezione anpi consegna tessere onorarie alle autorità.le autorità consegnano medaglie ricordo ai bambini delle scuole.la banda si esibisce in un bis di oh bella ciao.brividi di libertà.a tutti viene consegnata una breve pubblicazione con "versi" di calamandrei e lettere di partigiani fucilati...la cerimonia è conclusa.mi infilo ordinatamente in una fila disordinata:è il momento degli autografi(?).la presidente di provincia bacia bambini,in posizione accosciata, scrive dediche su calamandrei. si depila le gambe solo sotto il ginocchio,a filo di gonna.il sindaco suda ma è felice e autografa calamadrei e stringe mani.
la festa è finita,siamo liberi...e la speranza di un mondo migliore ha,seppur carente di geox, i capelli d'oro e la voce di una duenne e mezzo che chiede al papà di portarla a vedere una mostra.
io?...a tratti ho pianto.
buona libertà.
baci,bok.


*breve reportage.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 25/4/2010 alle 12:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa



18 aprile 2010

alberi

in un giorno lontano, in un bosco ancora più lontano,lontano da tutto,era in corso una festa,si festeggiava il risveglio della vita.tutti erano allegri e cantavano e muovevano rami e foglie al ritmo del vento e dell'acqua del ruscello.a mano a mano che si risvegliavano,salutavano i vecchi amici e quelli ormai andati.salutavano i nuovi arrivati e i più grandi aprivano le proprie fronde perchè la luce potesse raggiungerli.e le richiudevano, quando il vento da su,correva troppo forte che rischiava di spezzarli.e li incoraggiavano a venir su dritti e in fretta...

la festa proseguiva ormai da diverso tempo quando,borbottando qualcosa di incomprensibile contro il tempo e non meglio precisati acciacchi,ecco svegliarsi dal suo lungo letargo, l'albero più vecchio di tutto quel bosco lontano.aveva, raccontavano i più grandi ai nuovi venuti, tremila o quattromila anni..ed era il più saggio e sapiente di tutti,si dice che sapesse guarire dalle malattie e che una volta abbia  addirittura giocato a calcetto:faceva il palo o forse la traversa.si dice che abbia solcato i sette mari e bevuto il vino più buono del mondo...''cannonau, era un cannonau del 2010 a.c!''-proruppe il vecchio richiamando l'attenzione di tutti, che di colpo smisero di parlare e tesero le foglie ad ascoltarlo meglio.
''buona vita a voi,splendido bosco,buona vita a voi splendidi amici''-''buon risveglio a te magnifico vecchio''-gli fece eco il bosco.
''rendiamo grazia alla grande dea madre,fratelli, che ci dà la vita.rendiamo grazia per questa vita,rendiamo grazia per quella dopo, quando ognuno di noi sarà sedia, carbone, culla o cassa da morto''..diceva in tono solenne il vecchio...
''io-lo interruppe spontaneo e leggero,il più piccolo di tutto il bosco- io,io voglio essere un'altalena''.tutti risero...
''ben arrivato splendida altalena!''- rispose ridendo l'albero vecchio,chinandosi lievemente verso il piccolo,per accarezzargli la chioma.tutto il bosco rise col vecchio e accarezzò il piccolo.e la festa,in quel bosco felice durò ancora per tanto tanto tempo..




permalink | inviato da ilbokkaglio il 18/4/2010 alle 6:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa



23 marzo 2010

frisciuras a su entu

ripristinato il senso dell'amore,
gioviale confidenza col dolore.
frisciuras a spartinu in su 'entu,
'scravaras a forza,chensa lamentu.
rubato da due corvi ballerini,
rinato dentro rovi zuccherini.
'struppius profundus che su mare,
ageru e sale pro los samunare.
a braccia aperte con i chiodi in mano,
sul monte calvo in croce col samaritano.
si c'andat sa luche, si firmat su entu,
deus mortu po divertimentu.
d'eus mortu po divertimentu. 
intrecci gialli di sole e fiori di ginestra,
est torrau a nasci chi sa coa 'e sa gilestra.
ripristinato il senso dell'amore,
frisciure al vento senza più dolore.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 23/3/2010 alle 6:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa



17 ottobre 2009

sardegna, sacco matto!

Sardegna, il sacco delle coste
Il piano del cemento è legge

Sardegna, il sacco delle costeIl piano del cemento è legge
di Francesca Ortalli
Approvato dalla Giunta Cappellacci il piano per l'edilizia.  Con le strutture turistiche potranno aumentare le volumetrie del 35%.  (lunità.it)




permalink | inviato da ilbokkaglio il 17/10/2009 alle 14:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



18 settembre 2009

47 morto che parla

http://www.unita.it/news/italia/88560/il_caso_del_soldato_diana_malato_di_cancro_per_la_difesa_morto




permalink | inviato da ilbokkaglio il 18/9/2009 alle 11:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



16 settembre 2009

adelante pedro con giudizio

http://www.repubblica.it/2009/09/sezioni/esteri/marocco-bambini/marocco-bambini/marocco-bambini.html




permalink | inviato da ilbokkaglio il 16/9/2009 alle 18:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



9 settembre 2009

ROSSO-MANNARO

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Cronache/2009/09/09/pop_italia.shtml





permalink | inviato da ilbokkaglio il 9/9/2009 alle 10:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa



14 luglio 2009

io NON SCIOPERO.

SEQUESTRATI 50 MILIONI DI EURO ALLA CAMORRA.
STASERA GLIENE RENDIAMO CENTO COL SUPERENALOTTO.
IO NON SCIOPERO.
IN PARLAMENTO NON C'è L'"OPPOSIZIONE",
SIEDONO GLI ESPONENTI DEL CLAN PERDENTE.
IO NON SCIOPERO.
CHI AMA SE STESSO è DESTINATO ALLA SOLITUDINE.
CHI è SOLO è DESTINATO ALLA INFELICITà-
NON UN PENSIERO AL GIORNO A SE STESSI.
AGLI ALTRI BISOGNA PENSARE.
GLI ALTRI BISOGNA AMARE.
D'ALTRONDE FARE MASSAGGI RICHIEDEREBBE AMORE PER IL CORPO UMANO.
IL CORPO UMANO è L'UNICA ENTITà IN GRADO DI CONTAGIARE L'AMORE.

NON SONO UN GIORNALISTA Nè FACCIO MASSAGGI...DICO QUELLO CHE PENSO.
è PER QUESTO CHE NON SCIOPERO.
DICO QUELLO CHE PENSO
BACI,
BEN BOK DE NARCOS,
ALLIEVO D'AMORE.


SE POI QUELLO CHE DICO NON VUOL DIRE NIENTE...
...CONSIDERATELO SCIOPERO BIANCO.
ALTRI BACI.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 14/7/2009 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



7 luglio 2009

CALENDE...ITALICHE

www.Spreconi.it

Terremoto dell'Irpinia, tutti assolti

Ventinove anni dopo il sisma che devastò Campania e Basilicata, politici e imprenditori sono stati tutti assolti per prescrizione: è passato troppo tempo per giudicarli. Un colpo di spugna che segna ancora una volta la drammatica incapacità di assicurare giustizia, garantendo assoluzioni o condanne in tempi umani.

(L'ESPRESSO)




permalink | inviato da ilbokkaglio il 7/7/2009 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



2 luglio 2009

corriere.it

India, l'omosessualità ora è legale

08:50  ESTERI  Storica sentenza: «I rapporti sessuali tra adulti consenzienti dello stesso sesso non sono più un crimine». Viene così cancellata la legge di epoca coloniale del 1861




permalink | inviato da ilbokkaglio il 2/7/2009 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



27 giugno 2009

In altre nazioni se i politici vengono meno alle regole (anche minime) o hanno comportamenti discutibili, sono costretti alle dimissioni. Perché tanta diversità in Italia? Don Antonio Sciortino, direttore di «Famiglia Cristiana», 23 giugno

Politica

Lodo Alfano, premier e ministro
a cena con giudici costituzionali




permalink | inviato da ilbokkaglio il 27/6/2009 alle 10:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa



21 giugno 2009

è domenica pomeriggio,la messa... sì sì, l'ho messa.

d'après moi,après lui, le dèluge-'e mmerda!
è il contrappasso:
in tempo di dei, essi (e/o o) annacquarono l'immondo mondo per una quarantina di giorni.
questo, invece, è tempo di demòni-
anziché "benefiche" acque(essendo i tempi di crisi, dovendosi pur tagliare qualcosa,
via acqua e bene: sul satellite, con l'iva a tremila%!), tradussero male i rimaneggiati frammenti sacri, e tennero solo le fiche.
credendo di interpretare correttamente il volere di dio,
consegnano a noi la tradizione di un rito magico di catarsi capitalisticanagrafica: anziché "mangiare il cuore crudo e ancora pulsante dei nemici uccisi in battaglia", tradussero semplicemente: "la fica é il frutto dell'eterna giovinezza. andate ed utilizzate la fica"!
ora, in una terra di santi(c'è una corrente eretica-ufficiale che,al contrario, crede nel fico(a riprova portano le immagini del primo uomo indicare-per non dare nell'occhio-col pene, una ieratica foglia del suddetto albero.), di sovrani bassottini(i savoia si sono modificati geneticamente,per poter dire, al momento opportuno: non sono re d'italia, io sono alto.), di palazzinari aviotrasportati e trasportanti,
la giovinezza è in vendita! la puoi trovare all'angolo di strada, in casa-casina o "graziolissimi" palazzi.
il costo dell'operazione, almeno in parte coperto dagli incentivi del governo, varia a seconda di quanti anni vogliate recuperare. in bochure,il modello premier(: anni effettivi 73-prospettiva-certa di vita 120 anni, cui si vorrebbe giungere biologicamente...che so? fate voi: trentaduenni?
bene, il tutto verrebbe a costare, figa più figa meno,...2000 euro a figa...per 3e65... per 72 anni(da 0 a 1 anno, il portrait "standa" (o, come vogliono i puristi, standhard),non ha praticato(essendo l'allattamento,utilizzazione lecita, non viene conteggiato ai fini pedofilici  passivi), per l'auto-pedofilia: seghe prescritte! e,poi, perchè era palesemente giovane, sebbene molto alto per la sua età)..tre...toh, due punti e quattro di pil. due e due: se siete iscritti al partito o alla onlus "ovodda", o se ci segnalate un amica. bonus recupero anni se la bottega è di prima apertura: vitto e alloggio compresi. per raggiungere le isole, a disposizione l'air-fott-uan: lo stereo s'è rott , niente paeur,chenta marieno.)
ah, come son lontani i tempi di una volta. per un illustrato(più ritratti lui che "mona-lisa") capo-classe di origini provenzani, 
"le controle est mieu que foutre".
ma questi, sorelle, sono tempi di demòni:hanno provato, osato(per l'equivalente di tremilioni di tonnellate di mele del peccato), attuato, il pianob: cumannari e foutre ensemble.
ai bei tempi in tanti comandavano e l'opposizione fotteva. oggi comanda e fotte
uno solo, normale che l'opposizione s'incazzi! ah, no, non s'incazza, scusate...
eccola versione "rivelata":
il dèluge de mmerda è solo un lieve fastidio di stomaco della suddetta opposizione: si cagano sotto.
revisionisti, qualificati, chiedono l'abrogazione dell'articolo uno della costituzione:
"piove! governo ladro"
che verrà sostituito dal nuovo articolo 1bis(in omaggio alla fortunata trasmissione tv anni ottanta, condotta da grappa bocchino-bongiorno..):
"piove merda! opposizione,pulisci! ahah!"
hanno proprio ragione all'asilo nido:
la prima a cambiare è sempre la costituzione materiale.
e a chi non credeva che l'acqua potesse mutar quadrato nella tavola periodica degli elementi, e acquisire nuovo simbolo chimico (mrd)
(no,non è il miridio!), preannuncio ombrelli di cemento armato,la carta igienica solo con la tessera, il ponte sulle chiappe, a doppio senso alternato(seppur un nobile maestro ripetesse spesso il piacere del senso unico obbligatorio), la vinific
azione dell'uva, cede il passo al processo di ficazione, per una moglie fica e la botte fica.sperando che non peggiori e inizi a piovere miridio : a quel punto sò cazzi.


...dovrei parlare con muccioli, secondo me mi mettono le pastiglie di droga nelle piastrine antizanzare.




permalink | inviato da ilbokkaglio il 21/6/2009 alle 11:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa



18 giugno 2009

se potessi avere...2000euroabotta...

Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

dopo la soluzione finale,
ecco a noi,
"l'utilizzazione" finale.
attenti al buco.

(fonte: boh un certo alighieri dante+)
(sguardate, se vi va,l'editoriale di g.melis su altravoce.net)
(nel sesto canto del purgatorio, dante alighieri, cita, tra gli altri, ghin di tacco: "uno" più recente,che, ahinoi, s'è pure riprodotto, venne sommerso da uno tsunami di monetine(misteriosamente scomparse!) sul finire della prima repubblica). 




permalink | inviato da ilbokkaglio il 18/6/2009 alle 13:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



30 maggio 2009

regione autonoma(ahahhahh)della sardegna

DELIBERAZIONE N. 24/24 DEL 19.5.2009
—————
Oggetto: Atto generale di indirizzo per il rilascio di nuove concessioni demaniali marittime
con finalità turistico-ricreative o di ampliamenti di quelle già assentite in favore di
strutture ricettive.
L’Assessore degli Enti Locali, Finanze e Urbanistica, richiamando la precedente deliberazione della
Giunta n. 41/33 del 29.7.2008, riferisce in merito alla necessità di approvare un nuovo atto generale
di indirizzo per il rilascio di nuove concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative o di
ampliamenti di quelle già assentite in favore di strutture ricettive, ad uso esclusivo dei relativi ospiti,
in modo da consentire alle stesse un’adeguata programmazione delle attività.
L’Assessore sottolinea al riguardo l’importanza di offrire alle strutture ricettive (alberghi, villaggi turistici
e campeggi), già in attività o di nuova apertura, la possibilità di migliorare e garantire la qualità
e quantità dei servizi offerti alla propria clientela, con l’auspicio che ciò consenta alle stesse di essere
più competitive nel mercato turistico nazionale ed internazionale e, nel contempo, che ciò assicuri
la soddisfazione di esigenze socio-economiche ed occupazionali non solo dei territori prossimi
alla costa.
Sempre che le condizioni delle spiagge lo rendano possibile e nel rispetto dell’esigenza di evitare situazioni
di sovraffollamento soprattutto a carico delle spiagge inserite in un contesto urbano, l’Assessore
ritiene opportuno che ad ogni camera d’albergo o di villaggio turistico corrisponda la possibilità
di poter usufruire di un punto ombra, fermo restando che le stesse spiagge, di lunghezza comunque
non inferiore ai 250 metri lineari, non debbano essere interessate da concessioni demaniali
marittime in misura superiore al 50% della loro superficie complessiva.
Propone, quindi, di individuare un parametro variabile che permetta l’identificazione della superficie
necessaria per il posizionamento di ciascun punto ombra a seconda della distanza in cui è localizzata
l’azienda ricettiva rispetto alla costa. Le strutture più distanti dalla costa hanno, infatti, un lega-
me con l’utilizzo di un determinato arenile affievolito rispetto a quelle prospicienti il litorale. Pertanto,
l’Assessore propone il seguente criterio a cui attenersi nella istruttoria e nel rilascio delle concessioni
demaniali marittime con finalità turistico ricreative in favore di strutture ricettive:
a) alberghi o villaggi turistici localizzati nella fascia tra gli ottocento metri e i millecinquecento metri
dalla costa: metri quadrati 5 di punto ombra per ogni camera;
b) alberghi o villaggi turistici nella fascia degli ottocento metri dalla costa:
1. strutture di categoria fino alle tre stelle: metri quadrati 7 di punto ombra per ogni camera;
2. strutture di categoria superiore alle tre stelle: metri quadrati 9 di punto ombra per ogni camera.
L’Assessore prosegue evidenziando la necessità di fissare un limite massimo all’estensione sul
fronte mare delle concessioni nuove o modificate in seguito ad ampliamenti di quelle già assentite,
in modo da preservare il più possibile il contesto ambientale di riferimento e da non incidere sul
pubblico e libero uso del mare. Propone pertanto alla Giunta regionale di attenersi ai seguenti parametri
dimensionali:
- alberghi con una dotazione fino a 50 camere: 25 metri lineari;
- alberghi o villaggi turistici con oltre 50 camere: 40 metri lineari;
- alberghi o villaggi turistici di categoria superiore alle tre stelle e con una dotazione di più di 50
camere: 50 metri lineari.
Nel caso di concorrenza di più domande di concessione per il medesimo arenile, è preferito il richiedente
che offra superiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione e di migliore soddisfacimento
delle esigenze del mercato turistico, in considerazione specialmente della maggiore
vicinanza della propria struttura alla zona costiera richiesta.
L’Assessore degli Enti Locali evidenzia altresì che sussiste l’esigenza di garantire la presenza di
servizi fondamentali per una corretta fruizione dell’area d’ombra. In questo contesto dovrà essere
garantita la realizzazione almeno dei servizi primari quali torrette d’avvistamento, passerelle, bagni
e pronto soccorso.
Per detti servizi, qualora le condizioni delle spiagge lo consentano, potrà essere messa a disposizione
un’area complessiva non superiore ai 50 metri quadrati dando priorità al posizionamento delle
torrette d’avvistamento, delle passerelle, dei bagni e del pronto soccorso. Per le aziende ricettive
contermini all’arenile non potrà comunque essere impegnato complessivamente un fronte di spiaggia
maggiore dell’affaccio della struttura.
L’Assessore rileva che sussiste, inoltre, l’esigenza per i villaggi turistici contermini alle spiagge e
con una dotazione superiore ai 1500 posti letto, di offrire alla clientela alcuni servizi ulteriori per attività
ludiche e per ricovero natanti. Ritiene che a tal fine possa essere messa a disposizione delle
predette strutture, e sempre che le condizioni della spiaggia lo consentano, una superficie di 3 metri
quadrati per ogni posto letto, fermo restando il contenimento complessivo del fronte dell’area di
concessione all’interno dell’affaccio della struttura.
In considerazione delle peculiarità e della vocazione naturalistica dei campeggi, l’Assessore propone
per tali strutture situate in prossimità della costa, di consentire il rilascio di nuove concessioni o
di ampliamenti di quelle già assentite, sempre che le condizioni del sito lo rendano possibile. Il criterio
da rispettare dovrà essere volto ad assicurare una superficie di 1 metro quadrato per ogni punto
ospite, mantenendo il limite massimo dei 40 metri lineari del fronte mare da assoggettare a concessione
demaniale.
Ai sensi dell’art. 1 del D.L. n. 400/1993, convertito con L. n. 494/1993, la durata dei provvedimenti
concessori è pari a sei anni, fatta salva la revoca degli stessi nell’ipotesi di contrasto con le previsioni
dei Piani di Utilizzo dei Litorali di prossima adozione da parte degli enti locali.
Infine, l’Assessore considera opportuno prevedere la decadenza automatica della concessione nell’ipotesi
di uso non esclusivo degli ospiti delle strutture ricettive beneficiarie e che l’eventuale rilascio
delle concessioni demaniali o l’ampliamento di quelle già esistenti sia accompagnato dal pagamento
del sovracanone, istituito con determinazione interdirettoriale n. 2081/D del 31 dicembre
2001, in misura ordinaria di € 2,11 a metro quadrato per i primi 250 metri quadrati di concessione e
nella misura di € 8.44 a metro quadrato per quelli successivi.
La Giunta regionale, sentita la proposta dell’Assessore degli Enti Locali, Finanze e Urbanistica,
constatato che il Direttore Generale degli Enti Locali e Finanze ha espresso il parere favorevole di
legittimità sulla proposta in esame
DELIBERA
di approvare per il rilascio di nuove concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative o
di ampliamenti di quelle già assentite in favore di strutture ricettive, ad uso esclusivo dei relativi
ospiti, il seguente nuovo atto generale di indirizzo:
1. sempre che le condizioni delle spiagge lo rendano possibile, fermo restando che le stesse devono
avere una lunghezza non inferiore ai 250 metri lineari e che non devono essere interessate
da concessioni demaniali marittime in misura superiore al 50% della loro superficie complessiva,
deve di norma essere associato per ogni struttura ricettiva un servizio di spiaggia con la
possibilità di usufruire di un punto ombra per ogni camera, secondo i seguenti parametri:
a) alberghi o villaggi turistici localizzati nella fascia tra gli ottocento metri e i millecinquecento
metri dalla costa: metri quadrati 5 di punto ombra per ogni camera;
b) alberghi o villaggi turistici localizzati nella fascia degli ottocento metri dalla costa:
- strutture di categoria fino alle tre stelle: metri quadrati 7 di punto ombra per ogni camera;
- strutture di categoria superiore alle tre stelle: metri quadrati 9 di punto ombra per ogni
camera;
2. il limite massimo dell’estensione sul fronte mare delle concessioni nuove o modificate in seguito
ad ampliamenti viene fissato nella misura sotto riportate:
a) Alberghi di qualunque categoria fino a 50 camere: 25 metri lineari;
b) Alberghi o villaggi turistici di categoria fino a tre stelle, oltre le 50 camere: 40 metri lineari;
c) Alberghi o villaggi turistici di categoria superiore alle tre stelle e con più di 50 camere: 50
metri lineari;
3. è consentito il rilascio a favore delle aziende, alberghi, villaggi turistici e campeggi contermini
alle spiagge, di idonei spazi da destinare a servizi fondamentali per una corretta fruizione delle
aree d’ombra (torrette avvistamento, passerelle, bagni e pronto soccorso), di superficie non superiore
ai 50 metri quadrati, fermo restando il contenimento complessivo del fronte dell’area di
concessione all’interno dell’affaccio della struttura;
4. è consentito il rilascio a favore di villaggi turistici contermini alle spiagge con una dotazione di
più di 1500 posti letto, di idonei spazi da destinare a servizi per attività ludiche e per ricovero
natanti, per una superficie di 3 metri quadrati per ogni posto letto, fermo restando il contenimento
complessivo del fronte dell’area di concessione all’interno dell’affaccio della struttura;
5. è preferito, in caso di concorrenza di più domande di concessione per il medesimo arenile, il richiedente
che offra superiori garanzie di proficua utilizzazione della concessione e di migliore
soddisfacimento delle esigenze del mercato turistico considerata la maggiore vicinanza della
propria struttura alla zona costiera richiesta;
6. è ammesso, per i campeggi situati in prossimità della costa, il rilascio di nuove concessioni o di
ampliamenti di quelle già assentite, sempre che le condizioni del sito lo rendano possibile, secondo
il criterio teorico di assicurare la possibilità di usufruire di 1 metro quadrato per ogni ospite
ed il limite massimo di 40 metri lineari del fronte mare;
7. ai sensi dell’art. 1 del D.L. n. 400/1993, convertito con L. n. 494/1993, la durata dei provvedimenti
concessori è pari a sei anni, fatta salva la revoca degli stessi nell’ipotesi di contrasto con
le previsioni dei Piani di Utilizzo dei Litorali di prossima adozione da parte degli enti locali;
8. il rilascio delle relative concessioni di cui ai punti precedenti è assoggettato al pagamento di un
sovracanone, (già istituito con determinazione n. 2081/D del 31 dicembre 2001), in misura ordinaria
pari a € 2,11/mq per i primi 250 metri quadrati di concessione e nella misura di € 8,44/mq
per l’ulteriore superficie;
9. la maggiorazione del canone di cui al punto sette si applica, all’atto del rinnovo, anche alle concessioni
giunte a scadenza;
10. è prevista la decadenza automatica della concessione nell’ipotesi di uso non esclusivo degli
ospiti delle strutture ricettive beneficiarie.
Il Direttore Generale        Il Vicepresidente
Gabriella Massidda         Sebastiano Sannitu




permalink | inviato da ilbokkaglio il 30/5/2009 alle 13:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



26 maggio 2009

Tre operai uccisi dai fumi

Tre operai uccisi dai fumi

Si trovavano in un impianto di desolforazione. Napolitano: «Cordoglio per le vittime»

L'impianto di raffineria Saras (dal web)
L'impianto di raffineria Saras (dal web)
CAGLIARI
- Tre operai sono morti e un quarto è rimasto ferito martedì pomeriggio intorno alle 14 all'interno degli impianti della raffineria Saras a Sarroch (Cagliari). Le tre vittime, secondo le prime informazioni, stavano pulendo una cisterna in un impianto di desolforazione. Daniele Melis, di 26 anni, Luigi Solinas, di 27, e Bruno Muntoni, di 52, erano tutti di Villa San Pietro, piccolo paese confinante con Sarroch. Muntoni era sposato e padre di tre figli. Non si conoscono le generalità del quarto operaio coinvolto nell'incidente mortale: l'uomo è rimasto intossicato ed è stato trasportato privo di sensi in ospedale a Cagliari. Il presidente e l'ad della Saras, Gianmarco e Massimo Moratti, sono in partenza per raggiungere la Sardegna. Il patron dell'Inter, che era fuori Milano, sta rientrando nel capoluogo lombardo per partire assieme al fratello, col quale sono attesi nelle prossime ore alla Saras. Nello stabilimento si trovano già il Direttore generale, quello finanziaria e quello del personale. I Moratti hanno comunicato con una nota il «tragico evento» verificatosi presso la raffineria di Sarroch, esprimendo «profondo dolore».

I SOCCORSI - Sul lugo dell'incidente sono intervenuti medici del 118, ma per i tre operai intossicati era ormai troppo tardi. I sanitari hanno constatato il decesso in attesa dell'arrivo del medico legale, che dovrà accertarne le cause, e del magistrato di turno cui spetterà il compito di indagare sull'incidente. Da quanto si è appreso, i tre operai morti erano dipendenti della Comesa, una ditta esterna che lavora per la Saras e che ha in appalto alcuni lavori all'interno della raffineria. In queste settimane gli impianti sono interessati da una serie di interventi di manutenzione programmata.

LA STORIA - La Saras è stata fondata Angelo Moratti nel lontano 1962. Adesso è guidata dai suoi eredi. La società si occupa di raffinazione petrolifera e l'impianto di Sarroch, uno dei sei supersite d'Europa, lavora circa 300.000 barili al giorno, cioè il 15% dell'intera raffinazione in Italia.

IL CORDOGLIO - Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano dalla prefettura di Firenze , dove era in visita, si è messo in contatto con il prefetto di Cagliari per avere ragguagli sulla dinamica del grave infortunio. Il capo dello Stato ha pregato il prefetto di esprimere ai familiari delle vittime la sua vicinanza è il suo cordoglio a nome di tutto il Paese. L’incidente è «una ennesima tragica notizia», sostiene il presidente della Camera, Gianfranco Fini, che in occasione del convegno «Il lavoro che cambia» invita i presenti in sala a tributare un minuto di silenzio. «Si tratta - afferma Fini - in base alle prime ricostruzioni di tre lavoratori che stavano lavorando in un ambiente chiuso, saturato dalle esalazioni. Credo sia doveroso per tutti alzarsi e commemorarli con un minuto di silenzio». Appresa della notizia dell'incidente nello stabilimento della Saras, il presidente della Regione Ugo Cappellaci ha immediatamente sospeso la riunione che stava presiedendo nei locali di viale Trento a Cagliari ed ha deciso di recarsi subito sul posto. «È una tragedia immane» ha detto Cappellacci. (corriere.it)






26 maggio 2009




permalink | inviato da ilbokkaglio il 26/5/2009 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa



13 maggio 2009

DOSSIER Centrali in Puglia, Sardegna e Piemonte

DOSSIER (repubblica.it)

Centrali in Puglia, Sardegna e Piemonte
contro i rischi di terremoti e inondazioni

La mappa dell'Enea. L'innalzamento dei mari mette fuori gioco larghi tratti di costa di MAURIZIO RICCI


ROMA - In Sardegna, dalle parti di S. Margherita di Pula a sud. O anche sulla costa orientale, fra S. Lucia e Capo Comino. O più giù, davanti a Lanusei, alla foce del Rio Mannu. In Puglia, sulla costa di Ostuni. Lungo il Po, dal vercellese fino al mantovano, dove già esistevano le centrali di Trino e di Caorso. I siti dove localizzare le nuove centrali sono pochi e rischiano di essere molto affollati. Nei prossimi mesi, dovranno essere stabiliti i parametri, in base ai quali decidere dove collocare le future centrali. Sarà una fase di intenso mercanteggiamento con le autorità e le comunità locali, ma i margini di manovra sono ristretti anche dalla particolare conformazione geologica e costiera italiana.
Si può partire dalla mappa dei possibili siti che il Cnen (poi diventato Enea) disegnò negli anni '70. E' una mappa, però, largamente superata dagli eventi. In molte aree si è moltiplicata la densità abitativa, che il Cnen considerava un parametro sfavorevole. Soprattutto, è cambiato il rapporto con l'acqua. Le centrali hanno bisogno di molta acqua per raffreddare i reattori (questa acqua circola, naturalmente, fuori dal reattore) e, per questo vengono, di solito, costruite vicino ai fiumi o al mare. Il rischio, quando si tratta di fiumi, sono le piene, più frequenti negli ultimi decenni. Ma è un pericolo relativo: la centrale di Trino Vercellese, sette metri sopra il livello del Po, è sopravvissuta all'asciutto a due piene catastrofiche. Il problema, in realtà, non è troppa acqua, ma troppo poca. Il riscaldamento globale sta diminuendo la portata dei fiumi e c'è il dubbio che, in estate, la portata del Po non sia sufficiente per il raffreddamento delle centrali, mentre, contemporaneamente, si acuisce il problema di salvaguardare le falde acquifere, ad esempio in una zona di risaie, come il vercellese.
L'alternativa sono le coste e l'acqua del mare. Ma il riscaldamento globale innalzerà progressivamente, nei prossimi decenni, il livello dell'Adriatico, del Tirreno e dello Jonio, ponendo a rischio allagamento centrali costruite per durare, mediamente, una cinquantina d'anni. Il Cnen, ad esempio, aveva indicato fra le aree più idonee il delta del Po e quello del Tagliamento, nell'Adriatico settentrionale. Ma il suo successore, l'Enea, definisce tutta la costa adriatica a nord di Rimini come la zona italiana a più alto pericolo di allagamento, con un innalzamento - minimo - del livello del mare di 36 centimetri. In effetti, quest'altra mappa dell'Enea ripercorre gran parte della costa italiana. Sia Piombino che l'area della vecchia centrale di Montalto di Castro, nel Lazio, ad esempio, scontano un innalzamento minimo del livello del mare di 25 centimetri.
E lontano dalle coste? Qui, il problema sono i terremoti. Sono poche, come mostra la storia recente e meno recente, le zone italiane esenti dal rischio sismico. Secondo la carta dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, davvero al riparo dai tremori della terra ci sono solo, oltre alla Sardegna, l'area di confine fra Piemonte e Lombardia e l'estremo lembo della Puglia. Naturalmente, una centrale può essere costruita con le più avanzate tecniche antisismiche. Qui, però, il problema non è tanto - o soltanto - l'eventualità di uno scuotimento catastrofico, che spacchi il reattore e riversi all'esterno la radioattività. Il problema sono fenomeni che compromettano il funzionamento del reattore. In Giappone, la più grande centrale atomica al mondo (Kashiwazi-Kariwa, non lontana da Tokyo) è ferma da due anni, in seguito ad un terremoto. L'impianto era stato costruito per reggere terremoti fino al grado 6 della scala Richter, ma si è rivelato un parametro ottimistico. Il terremoto del 2007 è stato pari a 6,8 gradi, una differenza enorme: dato che la scala è logaritmica, un grado in più significa un terremoto trenta volte più distruttivo. Non ci sono stati pericoli alla salute pubblica o fughe di radioattività, ma la Tepco (Tokyo Electric Power) ha dovuto, dal luglio del 2007, fermare i reattori, con un danno economico di quasi 6 miliardi di dollari, solo nel primo anno. Solo in questi giorni la Tepco si prepara a riavviare uno degli otto reattori della centrale.
Se sovrapponete la mappa dell'Enea sull'allagamento delle coste a quella dell'Istituto di geofisica, le aree a totale sicurezza (a prescindere dagli altri possibili parametri) che ne risultano sono quelle poche zone della Sardegna, della Puglia e del corso del Po. Qui, presumibilmente, si dovrebbero concentrare le centrali del piano nucleare italiano. Ma quante? Il governo ha finora parlato di quattro centrali. L'obiettivo dichiarato, tuttavia, è arrivare a soddisfare, con il nucleare, il 25 per cento del fabbisogno elettrico italiano. Le quattro centrali di cui si è, finora, parlato, arrivano, però, a poco più di un terzo. Secondo le previsioni della Terna, che gestisce la rete italiana, infatti, il fabbisogno elettrico italiano richiederà, già nel 2018, una potenza installata di 69 mila Megawatt. Le quattro centrali prospettate - che, peraltro, anche nell'ipotesi migliore, sarebbero completate 7-8 anni più tardi del 2018 - ne offrono solo 6.400, cioè il 9,2 per cento. Per arrivare al 25 per cento del fabbisogno, occorrono 17.500 Megawatt di potenza, quasi il triplo. In buona sostanza, per centrare quell'obiettivo non bastano quattro centrali da 1.600 Mw, come quelle ipotizzate finora. Ce ne vogliono 11.
Tutte in Sardegna, Puglia e Piemonte? E a quale costo? L'industria francese calcola, oggi, per la costruzione in Francia di una centrale tipo quelle italiane, un costo minimo di 4,5 miliardi di euro. I tedeschi di E. On scontano, per la costruzione di una centrale analoga, in Inghilterra, un costo di 6 miliardi di euro. Se si ritiene più attendibile, nel caso italiano, la valutazione di E. On per la centrale inglese, il costo complessivo dei quattro impianti italiani sfiora i 25 miliardi di euro. Per 11 impianti, da varare in rapida successione, si arriva vicini a 70 miliardi di euro, una cifra superiore al 4 per cento del prodotto interno lordo nazionale.

(13 maggio 2009) Tutti gli articoli di Scienze e Ambiente




permalink | inviato da ilbokkaglio il 13/5/2009 alle 12:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


sfoglia     aprile       
 


Ultime cose
Il mio profilo



E = mc²
fulmini
gracespace
l'altravoce.net
Ninetta
katesteriza
paoletta
studium
cicciapasticcia
liberaliperisraele
vulvia
Vedere oltre
visionidiblimunda
prishilla
LaBruna


Blog letto 126953 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom